lunedì, 17 luglio 2017

L’emergenza sociale è all’ordine del giorno per questa amministrazione

http://pdsd.it/2100

La solita ipocrita incoerenza da parte della minoranza consigliare, irrispettosa dei cittadini: da un lato si grida al degrado per ogni foglia che cade, senza preoccuparsi di generalizzare all’infinito e dall’altra si invitano i cittadini e l’amministrazione a non sottovalutare il disagio sociale e a non ridurlo a un fenomeno di insicurezza.
Gli interventi di contenimento dell’emarginazione e di salvaguardia della dignità e della salute di persone in situazioni di emergenza sociale sono stati all’ordine del giorno per questa giunta come nessun’altra prima.
Dov’era la minoranza quando l’amministrazione si premurava di offrire ai soggetti residenti a San Donà, in situazioni di difficoltà economica o sociale, forme diverse e adeguate di assistenza e aiuto? Dov’erano le opposizioni quando sono stati attivati due alloggi per emergenza abitativa (uno per madri con figli minori), quando è stata garantita collaborazione alla gestione di altri due alloggi di proprietà comunale, quando sono state accolte le domande di contributi di 5 cittadini con intimazione di sfratto, quando sono state gestite 190 domande di bando dell’Edilizia Residenziale Pubblica in aggiunta a oltre 20 persone che hanno richiesto alloggi popolari al di fuori del bando comunale?
Il problema, che la minoranza conosce bene, è che queste azioni sono state spinte dalla volontà di creare maggiore benessere per tutti i cittadini e al fine di dare aiuto concreto a chi ne avesse bisogno e non al solo scopo di ottenere un po’ di visibilità, sperando magari in qualche voto in più.


Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata