Elezioni politiche

http://pdsd.it/2140
4 marzo 2018
07:00a23:00

Camera Uninominale – Circoscrizione Veneto 1 – 2 San Donà di Piave

  • Sara Moretto

Camera Plurinominale – Circoscrizione Veneto 1 – Collegio Venezia

  • Marco Minniti
  • Sara Moretto
  • Nicola Pellicani
  • Barbara Penzo

Senato Uninominale – Circoscrizione Veneto 1 – 1 Venezia

  • Andrea Ferrazzi

Senato Plurinominale – Circoscrizione Veneto 1 – Collegio Venezia, Belluno, Treviso, Rovigo

  • Andrea Ferrazzi
  • Laura Puppato
  • Pierpaolo Baretta
  • Lidia Maoret

Fac-simile schede

 

Si vota domenica 4 marzo dalle 7 alle 23.

I documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie:
a) carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, anche se scaduto, rilasciato dalla pubblica amministrazione;
b) tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare;
c) tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

Il seggio consegna all’elettore due schede, una per la Camera ed una per il Senato (sempreché l’elettore abbia compiuto 25 anni, altrimenti gli viene consegnata la sola scheda per la Camera). I modelli delle due schede sono identici.

Il voto è espresso tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale.

Se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato del collegio uninominale e un segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista nonché i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista.
Se l’elettore traccia un segno sul contrassegno e un segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista medesima, il voto è considerato valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale.
Se l’elettore traccia un segno, comunque apposto, sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto è nullo, in quanto per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica non è previsto il voto disgiunto.


Lascia un commento


*obbligatorio
**obbligatoria, non verrà pubblicata